il mio mondo

RICORDI D’ESTATE

Per raccontare un’estate, sia anche solo un ,mese, non basterebbe nemmeno un libro, figuriamoci un post.. ma un po’ la nostalgia, un po’ la noia, un po’ (e questa è tanta) per la voglia di tornare là qualche scorcio posso anche mettercelo..
Non posso parlare della mia estate (che tradotto è:il mese d’agosto) senza parlare di mia cugina. Come se fosse l’unica, di cugine ne ho in sovraabbondanza, a mio parere sono anche troppe, non ci si raccapezza più (e no, ho una famiglia numerosa, ma nella norma, sono io che sono asociale), e comunque con la cugina in questione non sarei nemmeno cugina, insomma è una cosa alla lontana lontana, mio nonno e suo nonno erano cugini, di conseguenza non saremmo più cugine, ma dato che le nostre madri si riferiscono l’un l’altra definendosi cugine, così facciamo noi…ed in ogni caso è la prima che mi viene in mente quando penso alla parola “cugina”.

Comunque, ogni mese d’agosto io e lei diventiamo più o meno l’ombra l’una dell’altra, per un motivo o per l’altro dove c’è una c’è anche l’altra, 9 volte su 10. Solitamente lei è la mia spacciatrice preferita di musica, di novità, di città (per merito suo mi sono innamorata di Genova) e, come quest’anno, di libri. Dato che per una settimana abbondante di giorno vivevamo a casa mia e di notte a casa sua, mi ha fornito letture sufficienti per passare il periodo in cui alloggiavo da lei. Suo era “Sirena d’aprile”; “L’isola della paura” ; “L’ultimo distretto” (rilettura gradita); “Un ponte sull’eternità”; “Pornoromantica” (un titolo un programma… e questo era il regalo che io le ho fatto per il compleanno) e “Diario di scuola” (E questo è il libro che lei ha regalato a me).

Entrambe compiamo gli anni a settembre, ma dato che solitamente a settembre non ci vediamo (non abitiamo vicine, non  nella stessa città, non nella stessa regione) ad agosto arriviamo con il nostro pacchettino (puntualmente un libro scelto, più o meno a caso, tra quelli che l’altra vorrebbe leggere) e ce lo scambiamo con tanto di saltelli ed esclamazioni entusiastiche, il tutto condito con risate quando ci raccontiamo le avventure capitateci mentre acquistavamo il regalo in questione. Non ho ancora capito perchè, ma quando ci compriamo il regalo almeno a una delle due capita qualcosa di divertente, o esasperante, o comunque degno di essere condiviso.

Comunque, ciò che è memorabile, più dei libri che mi fornisce, delle canzoni, città, hobby che mi fa scoprire, è il fatto che lei sia l’unica che puntualmente riesce a farmi prendere degli infarti, un giorno o l’altro riuscirà a farmi ritrovare attaccata al soffitto, e la cosa peculiare è che non è intenzionale…(se riuscisse a capire come fare a spaventarmi con intenzione per me sarebbe la fine..e a lei verrebbe fatta una statua da parte del nostro gruppo…perchè quando mi annoio ho la fastidiosa abitudine di spaventare gli altri…fastidiosa sì..ma divertente!!). Quest’anno manca poco mi faceva ribaltare dalla sedia..e lei ha rischiato la stessa fine.

Silenzio profondo, giusto qualche uccellino che canta, mentre nel pomeriggio io e lei siamo nella mia cucina, intente a studiare, strano ma vero, tutte e due concentrate, tutte prese da quello che avevamo davanti agli occhi, quando ecco che.. le suona il cellulare..questa la sua suoneria, messa a tutto volume:

 

Insomma, niente da dire sulla scelta della canzone, ^_^, ma sentirla partire a sorpresa è infartante, e non solo per me, perchè tutte e due abbiamo fatto un salto degno di una ginnasta!!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...