il mio mondo

DUE PITTORI AL PREZZO DI UNO

Spesso leggo libri che possono essere etichettati come “spazzatura”, non tanto da me che li leggo e che, quindi, li apprezzo anche, ma da molti, e a volte tutti i torti non ce li hanno,ma a me poco importa, a me piacciono (con moderazione, nel senso che sono cosciente del fatto che non sono “libroni” che si meritano un posto tra i grandi classici (che ahimè, solitamente io non apprezzo molto) e sono cosciente del fatto che non hanno nulla di particolarmente brillante, o di particolarmente notevole, ma li prendo per quello che sono e li leggo volentieri) e continuo a leggerli imperterrita, sia perchè mi piacciono (E questo si è capito..), ( e in fondo sono una fervente sostenitrice del decalogo di Pennac, dove c’è scritto “diritto di leggere quello che vuoi”) e sia perchè in fondo si può sempre imparare qualcosa, anche da quei libri che spesso vengono scartati dal concetto di cultura (almeno dai più snob..e sulla natura di questi snob non mi metto ad indagare..). Comunque, tutta sta manfrina di introduzione perchè? Perchè volevo condividere (anche con voi..le mie coinquiline le ho già stressate a dovere, quindi ora tocca a voi) la mia ultima scoperta..anzi, una scoperta e una riscoperta, fatte grazie alla lettura di un libro (libro che rientra nella categoria appena menzionata): “Io voglio” di J.R. Ward (non entrerò nei meriti del libro, non è questo lo scopo di questo post).

Grazie a questo libro ho riscoperto un pittore: Hyeronimus Bosch, pittore che mi piace molto, e che avevo conosciuto non grazie a una qualche lezione di storia dell’arte, e nemmeno leggendo qualche librone spesso e “culturoso”, ma leggendo una serie di thriller il cui protagonista si chiama proprio come il pittore. (tra l’altro è una serie che mi è piaciuta davvero molto)

Questo è uno dei suoi quadri, e se sceglierne uno solo da mettere per questo pittore è stato difficile (e, fidatevi, lo è stato davvero…) sceglierne uno solo per il prossimo artista mi è impossibile. Ed ecco quindi il momento di parlare della vera scoperta fatta con questa lettura: Thomas Kinkade! Ammirate e giudicate da soli:

Il libro non l’ho ancora finito, e anche se non dovessi trovarlo più di tanto interessante, o non dovesse piacermi più di tanto la storia, sarò comuqnue contenta di averlo letto (lo sono già..) per ciò che da questo libro ho imparato…:)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...