il mio mondo

Archivio per luglio, 2012

19 MAGGIO

“La sua bizzarra casa di conchiglie mi appare in tutta la sua inquietante imponenza.Colpite dalla luce del sole,le pareti incrostate di gusci mandano bagliori di luce sinistra. L’edificio stesso è come un immenso scoglio di sventura.”

[Buio- di Elena P. Melodia]


18 MAGGIO

“L’umanità cambia di continuo ma qualche costante c’è.”

[Evernight- di Claudia Gray]


17 MAGGIO

“Quando inizi a desiderare qualcosa, tutto cambia. Adesso voglio tutto. Voglio di più, di più, di più.”

[Matched- di Ally Condie]


16 MAGGIO

“Ci sono storie d’ogni genere. Alcune nascono quando vengono raccontate, la loro sostanza è il linguaggio, e prima che qualcuno le metta in parole sono appena un’emozione, un capriccio della mente, un’immagine o una intangibile reminiscenza. Altre si presentano complete, come mele, e si possono ripetere all’infinito senza rischiare di alterarne il senso. Ne esistono prese dalla realtà e lavorate dall’ispirazione, mentre altre nascono da un istante di ispirazione e diventano realtà nell’essere narrate. E vi sono storie segrete che rimangono nascoste fra le ombre della memoria, sono come organismi viventi, ne spuntano radici, tentacoli, si riempiono di escrescenze e di parassiti e col tempo si trasformano in sostanza d’incubi. A volte per esorcizzare i dèmoni di un ricordo è necessario narrarlo come storia.”

 

[EvaLuna racconta-di Isabel Allende]


15 MAGGIO

“È talmente freddo che gli uccelli si congelano in volo prima di schiantarsi al suolo. Cadendo fanno un rumore incredibilmente dolce per essere un rumore di morte.2

 

[La meccanica del cuore- di Mathias Malzieu]


14 MAGGIO

“Nell’insieme il luogo serbava quel suo nonsoché di sbiadito e di stantio, come il tanfo esausto di ricordi malinconici che sale da un cassetto rimasto chiuso troppo tempo.”

 

[La casa del sonno-di Jonathan Coe]


13 MAGGIO

“Abbiamo davvero il diritto di difendere da se stessi i nostri amici?”

 

[la ragazza di carta-di Guillaume Musso]


FIRENZE…

…ha il profumo dei gelsomini.

 


12 MAGGIO

“Il buio avanzava in grandi fiotti d’erba”

 

[Il concilio di pietra- di J. C. Grangè]


11 MAGGIO

“E la nebbia infatti giunse, improvvisa. In un istante si sfilò dai cespugli alchechengi e dai cornioli, calò dai pini e dagli abeti e salì dal terreno gelato, avvolgendoli, fredda e impalpabile.”

 

[Il segno del drago. di Mariangela Cerrino]


10 MAGGIO

” Gli esseri ammalati possono essere molto belli. Forse anche una fiamma è una malattia, se ci pensi: la fiamma danza sullo stoppino divorando la cera di sotto, come quella malattia si stava mangiando il suo corpo dilagando dall’anima.”

 

[Lo schiavo del tempo- di Anne Rice]


POVERO BLOG…

…tutto solo e abbandonato. Le sessioni d’esame non sono esattamente periodi tranquilli e pacifici, se poi continuano a spostarti gli esami (in modo anche abbastanza gentile e cortese Prof:” Ci sarò a tutti gli appelli, il giorno x, il giorno y e il giorno z” io: “Bene allora vengo l’x!” Prof:” sarebbe meglio a quelli dopo perchè io quel giorno non ci sono” , il dialogo è stato riportato così com’è avvenuto, e non è stato nemmeno l’unico nel suo genere!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! sigh sob, povera tapina, io!) il blog passa all’ultimo posto nella lista delle cose da fare… soprattutto se ci si mette pure il caldo… per me l’estate dovrebbero depennarla dal calendario, defenestrarla dalla casa del tempo ed esiliarla in eterno (e intendo in eterno in eterno, non che sia un esilio come quello dei Savoia! ).
Bene… La sessione esami continua imperterrita, ed io ho deciso che sopravviverò anche questa volta, perciò posso anche tornare a sproloquiare sul blog (che fortuna, eh! 😛 )