il mio mondo

Archivio per dicembre, 2012

28 OTTOBRE

“-Tutti siamo soggetti al fato. Però tutti dobbiamo agire come se non lo fossimo- rispose la strega, -o morire di disperazione….”

[“la bussola d’oro” di Philip Pullman]

Annunci

27 OTTOBRE

“Il tempo, si sa, vola a volte veloce come un uccello, a volte scivola lento come un verme, ma la sensazione migliore per l’uomo sta nel non accorgersi nemmeno se il tempo sta trascorrendo piano o in fretta.”

[“Padri e figli” di Ivan Turgenev]


26 OTTOBRE

“La vera perfezione dell’uomo risiede non tanto in ciò che l’uomo possiede ma in ciò che l’uomo è.
Ciò che un uomo realmente possiede, è quanto risiede dentro di lui. Ciò che è all’esterno non dovrebbe avere alcuna importanza.”

[“Aforismi” di Oscar Wilde]


25 OTTOBRE

“Vimes sorrise ma senza essere divertito. Era effettivamente un mistero. A lui i misteri non piacevano. I misteri avevano un modo tutto loro di farsi sempre più grossi se non li si risolveva in fretta. I misteri figliavano.”

[“Piedi d’argilla” di Terry Pratchett]


24 OTTOBRE

“Le nubi viaggiavano lente nel cielo, come un corteo ai funerali del sole.”

[“i fiumi di porpora” di J.C. Grangé]


23 OTTOBRE

“Perché gli uomini fanno queste cose. Uomini con due braccia e due gambe ed un cuore. Uomini ritenuti normali, sani di mente. Avviene una cosa simile in tempo di pace e il mondo grida all’orrore: intervengono tribunali, preti, psichiatri. Avviene una cosa simile in tempo di guerra e nessuno ci fa caso, nessuno invoca tribunali, preti, psichiatri. Nessuno pronuncia la parola pazzi, la parola assassini. E gli uomini vanno sulla Luna, e gli uomini guariscono il cancro, e gli uomini sono così fieri di essere uomini anziché alberi o pesci. Vi sono momenti in cui avrei preferito essere nata fra gli alberi o i pesci.”

[“Niente e così sia” di Oriana Fallaci]


22 OTTOBRE

“Non c’è nulla al mondo di più facile dell’adulazione. Se nella franchezza solo una centesima parte di nota suona falso, subito ne viene una dissonanza, e poi uno scandalo. Se nell’adulazione invece tutto è falso fino all’ultima nota, anche allora essa è gradevole e si ascolta non senza piacere; sia pure con un grossolano piacere, ma pur sempre piacere. E per grossolana che sia l’adulazione indubbiamente almeno metà di essa sembra verità. E questo per gente di ogni levatura e strato sociale. Perfino una vestale si può sedurre con l’adulazione. Delle persone comuni poi non c’è neppur da parlare.”

[“Delitto e Castifo” di Fedor Dostoevskij]