il mio mondo

Articoli con tag “neil gaiman

2 DICEMBRE

“Ever Hour wonds. The last one kills.”

[“American Gods” di N. Gaiman]

(perchè un po’ di sano ottimismo è ciò che ci vuole per un ritorno in grande stile!!!)

 

Annunci

22 LUGLIO

“Nota per gli americani e le altre forme di vita urbane: i contadini inglesi, che diffidano degli impianti centralizzati di riscaldamento, troppo complicati e dannosi per la loro tempra morale, prediligono un sistema che consiste nell’ammassare su una base fatta di pezzi di legno e carbone uno strato di blocchi umidi, possibilmente di amianto, da ridurre in piccole pire infuocate, meglio note come “Non c’è niente di meglio di un bel falò all’aperto, eh?”. Dato che nessuno degli elementi che compongono la pira tende per natura a bruciare, sotto la base si inseriscono dei blocchetti rettangolari di materiale ceroso, che bruciano finchè il peso del falò non li spegne. Tali blocchetti si chiamano “esche per il fuoco”. Nessuno sa perchè.”

 

[“Buona Apocalisse a tutti” di T. Pratchett e N. Gaiman]


21 LUGLIO

“…un paio di jeans neri che sembravano fatti di notte vellutata, e un maglione grigio del colore del fumo denso, con delicate e minuscole stelle di tessuto luccicante.”

 

[“Coraline” di Neil Gaiman]


10 LUGLIO

“- Non possiamo fermarci per giocare, signorino Bod. Perché sta per arrivare domani notte. E quando mai ricapita una cosa simile?
– Ogni notte – disse Bod. – Domani notte arriva sempre.”

[“Il figlio del cimitero” di Neil Gaiman]


13 FEBBRAIO

“- C’è sempre qualcuno che giudica la propria vita tanto intollerabile da pensare che la soluzione migliore sia accelerare il trapasso a un altro livello di esistenza.
– Vuoi dire che si suicida? – chiese Bod. Aveva circa otto anni, occhi grandi e una grande curiosità, e non era stupido.
– Esattamente.
– E funziona? Sono più felici, da morti?
– Certe volte. Ma in genere no. E’ come chi crede che se va a vivere da qualche altra parte sarà felice, ma poi scopre che non è così che funziona. Ovunque tu vada, porti te stesso con te.”

 

[Il figlio del cimitero- di Neil Gaiman]