il mio mondo

Articoli con tag “riflessioni

IL DECALOGO DEL LETTORE

  1. il diritto di non leggere;
  2. di saltare le pagine;
  3. di non finire un libro;
  4. di rileggere;
  5. di leggere qualsiasi cosa;
  6. di leggere senza regole;
  7. di leggere ovunque;
  8. di spizzicare;
  9. di leggere a voce alta;
  10. di tacere.

[Daniel Pennac]

Da quando lo lessi su un’antologia scolastica, alle medie, me ne innamorai perdutamente. Io adoro leggere, leggo tanto, a volte troppo, ma lo faccio perchè mi piace, non perchè devo. E’ una delle cose più brutte, e deleterie, obbligare qualcuno a  leggere, o imporgli come leggere. Leggere è un piacere, se diventa un’imposizione.. che piacere è??

Annunci

CORTESIA O GENTILEZZA

E’ davvero triste vedere quante persone confondano Cortesia e Gentilezza..forse perchè alcuni vedono solo quello che vogliono vedere (e in questo caso devono davvero avere un ego dalle proporzioni gigantesche, oppure essere molto stupidi..e non è detto che le due cose si escludano a vicenda) oppure perchè si sentono così soli che anche un gesto cortese per loro assume tutt’altre proporzioni, o forse perchè.. boh, non lo so..

In ogni caso, anche se a volte i due termini sono usati come sinonimi, non vuol dire che indichino la stessa cosa.. la gentilezza implica un interesse per l’altra persona, o per le persone in generale, implica un’intenzione, un sentimento… la cortesia invece può semplicemente essere buona educazione, non implica interesse verso la persona, o le persone… magari c’è assoluta indifferenza, o forse anche un leggero fastidio, ma dimostrando di essere semplicemente persone educate si fanno dei gesti “cortesi”, sempre che ascoltare qualcuno parlare, non insultarlo e annuire possa essere definito cortese.
Eppure spesso mi sono sentita definire gentile, e ho sentito definire gentili altre persone, per un mero gesto di cortesia, come appunto annuire di tanto in tanto ascoltando qualche sconosciuto, o facendo altri gesti richiesti semplicemente dalla buona educazione. Non che mi lamenti dell’appellativo, non è un insulto, è però una cosa falsa, che spesso porta a fraintendimenti, quando a scatenare il tutto è stata solamente un po’ di buona educazione.

Sarà forse che l’educazione sta scomparendo, annientata dallo stress, dalla fretta, e dalla maleducazione?

Sia come sia, è una cosa che continua a sconvolgermi il constate quante persone, sempre più spesso, tendano a confondere le due cose.


Mosca

Москва..amore e odio. Eh già, una volta non mi è bastata, la memoria ha deciso di non collaborare, ed io mi ritrovo di nuovo qua. Rassegnarsi, è l’unica soluzione.

Il clima è pessimo. L’altra volta avevo lasciato a metà il mio settembre, l’estate stanca e l’autunno che si preparava, fresco e biricchino. E n cambio mi ero ritrovata in un autunno avanzato..certo più freddo, ma almeno era colorato. Gli alberi iniziavano a spogliarsi, ma le foglie erano svolazzanti fiammelle di colore. L’erba era ancora verde e qualche fiore ancora si vedeva. L’apprezzavo tre anni fa, certo, ma ancora di più l’apprezzo oggi che, al posto di quella stagione viva, c’è solo desolazione .

Ho lasciato la primavera scalpitante, l’erba che rinverdiva, i fiori che iniziavano a far capolino, gli alberi che tornavano alla vita, gli uccellini in festa e l’aria frizzante. Tutto questo ho lasciato e cosa ho avuto in cambio? Grigiore. Tutto è grigio, desolato.Le strade, gli edifici, le persone, il cielo, la neve che si scioglie agli angoli. La temperatura è bassa, di tanto in tanto scende la neve (ma nemmeno lei mi è cara, a casa la neve era calma, pacifica, copriva tutto di bianco e, almeno per un po’, tutto rallentava, coperto dal candido manto, ma qua no, la città frenetica di certo non rallenta per un po’ di neve, tutto rimane frenetico, indifferente). Il cielo si è dimenticato dell’azzurro, anche quando il sole ci onora con qualche raggio il cielo rimane grigio.

Rosso non è il colore di Mosca…lo è il grigio.

Ok, ok, con il sole un pochino si fa perdonare. I colori tornano sulla città ed è ovunque uno scintillio d’oro. Le infinite cupole a cipolla fanno capolino ovunque, anche nei posti più impensabili, seminascoste, semisepolte dai mostri architettonici. Soffocate dal cemento e dallo smog, immerse nell’indifferenza e nella fretta, loro imperterrite continuano a spargere il loro luccichio dorato tutto attorno (e sì che qua è importante la ricchezza dell’anima, non come in occidente dove importa solo la ricchezza materiale..eppure oro e chiesa anche qua vanno a braccetto…). Sotto il sole anche gli enormi palazzi dai colori sgargianti fanno meno tristezza, sembrano meno soli, non danno più l’impressione di essere bambini chiassosi dimenticati dai genitori, e sembrano quasi sorridere all’incessante tichettio dell’indaffarata umanità che scorre accanto a loro.

Alla fin fine però che il cielo si grigio o sia azzurro, che ci siano i fiori o che la neve stia ancora sciogliendosi in patetici mucchi cinerei, tra gli edifici che sono impensabili costruzioni da incubo o negli immensi parchi un po’ di tristezza permane, tristezza per una città che ha maltrattato, ha tradito e ha cancellato la sua storia, e le uniche tracce di storia viva, persistente, che ancora si respira è quella del comunismo, che si vede scritto nella maggior parte dei mostri architettonici che incombono su tutto, cercando di gettare la loro ombra il più lontano possibile, nelles trade e nell’enormità che, invece di far sentire libera l’anima, la fa sentire ancora più ingabbiata.